aper!deeSi sente spesso parlare della necessità di fare networking, di ampliare le proprie relazioni per conoscere persone e trovare nuove opportunità di business. Vengono anche realizzati convegni, riunioni e workshop a questo scopo, ma spesso le cose vanno per le lunghe e non c’è mai molto tempo per fare due chiacchiere e conoscere gli altri partecipanti. Fino a ieri.

Ieri sera ho partecipato ad un’iniziativa molto efficace e senz’altro originale: i Giovani Imprenditori di Confcommercio Pordenone, in collaborazione con O.G.G.I. PN e con il sostegno di Conad, Acqua Dolomia e Friulovest Banca hanno organizzato il primo #Aper!dee – Degustazione di Business, nel contesto dello splendido chiostro dell’ex convento di San Francesco in centro a Pordenone. Tutti i partecipanti in fase di accreditamento dovevano dichiarare di essere imprenditore, rappresentante di istituzione, libero professionista o aspirante imprenditore. A seconda della categoria veniva assegnato un badge di colore diverso riportante il nome e il ruolo, al fine di facilitare il primo approccio e con l’obbiettivo di incentivare la reciproca conoscenza e sviluppo di opportunità. La serata si è distinta anche dal punto di vista ludico ed enogastronomico, con dj set e cena a buffet organizzata da attività locali.

In sostanza si è voluti andare oltre ai classici convenevoli, puntando dritti al sodo: agevolare l’interscambio tra imprenditori e giovani, istituzioni e mondo del lavoro, organizzazioni e startupper, accompagnando il tutto con del buon cibo che, come nelle più classiche delle tradizioni, facilita da sempre gli affari e generalmente soddisfa tutte le parti coinvolte.

20140722_202147Il tema della serata è stato ribadito anche dal breve intervento di Stefano Medici, Giovani Imprenditori di Confcommercio: #pedalare. Le tre biciclette sul palco hanno reso bene il concetto: un invito per i giovani che in questo momento stanno sul divano, davanti alla tv, aspettando che il lavoro cali dall’alto, ma anche un incitamento per tutti coloro che erano presenti lì in quel momento, che tutte le mattina si alzano pronti a dare il massimo per raggiungere i propri obiettivi.

L’essenza del networking è questo: essere attivi, prendere in mano la propria professionalità e creare quel contesto virtuoso in grado di supportarci, provocare occasioni, far nascere coincidenze che poi non sono proprio tali, ma il frutto di un programma più o meno consapevole.

20140722_205626Pordenone, provincia italiana con il triste primato di maggior numero di fallimenti, si sta attivando da tempo con molte iniziative per supportare le imprese, ma soprattutto le persone disoccupate a trovare una soluzione valida. Eloquente l’immagine scelta per la serata: il bicchiere è composto per un terzo dalla condivisione, di know how e best practices, ma anche di nuove idee (due terzi del bicchiere) attraverso l’inserimento e la partecipazione attiva dei giovani, la terza componente. Pordenone non si è mai trovata finora davanti ad una situazione di grave crisi come quella attuale, ininterrotta dal 2008. Grandi e piccole aziende sono state falcidiate e le poche rimaste, che si distinguono per lungimiranza e ricerca, vanno avanti per la propria strada, spesso in bilico tra il successo e la voglia di andare all’estero. Solo le idee dei giovani possono dare una svolta costruttiva ed è importante trasmettere la passione per l’iniziativa imprenditoriale.

È necessario che le famiglie smettano di pensare ai figli sistemati con un lavoro statale.

Il futuro è nelle idee e nella voglia di fare che unisca giovani e meno giovani in progetti che sappiano evolvere dalle esperienze già fatte verso soluzioni ai nuovi bisogni dell’uomo moderno. E questo si ottiene solo con la condivisione.

Attendiamo quindi una replica di questa iniziativa, sempre più di vitale importanza non solo a Pordenone, ma in tutta la regione Friuli Venezia Giulia.

20140722_212007

Potrebbe interessarti anche: